Le Feste Natalizie……menù per tutti i gusti!!!! Il pranzo della Befana!!

Categorie carne, curiosità, diete e alimentazione, feste, ricette, suggerimenti

Scritto da Anna Rosa il 05/01/2011

gif-animata-befana-festa_5

…….l’Epifania tutte le feste le porta via!!!

Ed è proprio così: ormai siamo arrivati alla fine delle feste più belle dell’anno che ci accompagnano alla fine dell’anno in corso e ci introducono al nuovo anno.

Il giorno della Befana tutti i bimbi, e perché no, anche gli adulti appendono la calza per farsela riempire dalla Vecchietta sulla scopa che porta dolci ai più buoni e carbone ai cattivi!!!!

E’ un’altra giornata da passare insieme alla famiglia ancora una volta riuniti intorno ad una bella tavola addobbata ed imbandita.

Ti consiglio di preparare la tavola in questo modo: una tovaglia con soggetti natalizi e centro tavola ricco di fiori secchi, pigne e rametti di abete con porporina argentata e candeline blu e argentate.

Piatti bianchi, sottopiatti argentati e bicchieri in vetro opalescente, posate in acciaio satinato.

Per questo giorno così speciale, ti propongo tre menù nuovi ed originali.

Puoi trovare piatti conosciuti e non…..ma sicuramente tutti ottimi!

Puoi seguire un solo menù oppure combinare insieme piatti da menù diversi!

Potrai trovare antipasti molto sfiziosi ed appetitosi, primi piatti nuovi o tradizionali, secondi piatti particolari e nuovi accompagnati da contorni molto gustosi o delicati a seconda del piatto a cui sono accompagnati ed infine dolci e dessert veramente favolosi.

A te la scelta……

1° Menù

Crostini con caprini e carote

Antipasto gustoso ai wurstel

Farfalle allo zafferano

Faraona e uva

Piselli e lattuga delicati

Pandoro con crema di mascarpone

2° Menù

Crostoni integrali campagnoli

Polpettine di spinaci e patate stuzzicanti

Lasagne tradizionali

Involtini di carne con speck

Purè di patate

Kiwi ripieni di crema

3° Menù

Crostoni di cicoria

Antipasto caldo alla caprese

Fettuccine con olive nere

Rotolo di manzo ripieno

Cipolline agli aromi

Pere in salsa di arance

Io non posso fare altro che augurarti di passare una splendida giornata con la tua famiglia e darti appuntamento a dopo le Feste!

Auguri di Buona Befana!!!!!!

Anna Rosa

babbo-natale_00094

 

Le Feste Natalizie……menù per tutti i gusti!!!! Il Cenone di S. Silvestro

Categorie carne, curiosità, diete e alimentazione, feste, pesce, ricette, suggerimenti

Scritto da Anna Rosa il 30/12/2010

0-5909

Il Natale è trascorso e, dopo una settimana, eccoci a festeggiare la festa di S. Silvestro: ultimo santo dell’Anno.

L’atmosfera che si respira è molto diversa da quella più raccolta ed intima del Natale goduta più con il cuore, con la sensibilità delle piccole cose che fanno grande la festa, con gli incantati occhi dei bimbi che vivono la loro favola più bella.

Infatti passiamo ad una sensazione di gioia più pagana, più estroversa, quasi esplosiva con balli, canti, tavole fastose ed imbandite.

A mezzanotte l’anno vecchio viene lasciato alle spalle ed ecco l’esplosione di fuochi d’artificio che festeggiano l’arrivo del Nuovo Anno.

Inizia una nuova avventura che porterà gioie nuove o forse anche lacrime, ma non ci si pensa: è sempre qualcosa che si rinnova e che rinnova in noi nuove speranze per i nuovi dodici mesi che ci aspettano.

E quindi via ai festeggiamenti con un abbondante cenone di fine anno in allegra compagnia.

Cominciamo con la preparazione della tavola.

Ti consiglio una tovaglia rigorosamente rossa, con piatti bianchi di porcellana e sottopiatti dorati.

Bicchieri in cristallo a calice per vino, acqua ed i flute per lo spumante.

Posate abbinate allo stile della tavola.

Centrotavola con agrifoglio, pigne, rametti di abete e candele dorate accese.

Vischio per il bacio tradizionale di buon augurio.

Se nel nuovo anno ci deve essere un rinnovo sostanziale, cominciamo intanto con il variare i menù dell’anno appena trascorso.

Infatti le ricette che ti propongo sono nuove ed originali, e tutte meritevoli di essere provate sia per il gusto che per l’aspetto scenico.

Come al solito ti propongo 3 menù diversi: uno a base di pesce e due a base di carne.

Potrai scegliere tra antipasti sfiziosissimi, primi piatti saporiti, secondi piatti dagli accostamenti molto originali, contorni delicati e dessert molto invitanti.

Naturalmente non potrà comunque mancare il cotechino o lo zampone con le lenticchie.

Ecco le mie proposte:

1° Menù

Insalata marinara

Torta con gamberoni

Risotto con spumante e gamberi

Polipi con peperoni verdi

Cime di rapa delicate

Torta di ananas e noci

2° Menù

Antipasto appetitoso con carciofi

Crostini agli spinaci

Tagliatelle verdi in salsa saporita

Pollo all’orientale

Topinambur agli aromi

Budino al cioccolato

3° Menù

Crostini con funghi

Crocchette di emmenthal

Tagliolini in soufflè

Coniglio in salsa di arance

Indivia belga brasata con origano

Torta di mele al caramello

Auguro a tutti di trascorrere una splendida e spumeggiante serata in compagnia delle persone più care!!!!!!

Buon Anno!!!!!

Anna Rosa

0-7824

 

Le Feste Natalizie……menù per tutti i gusti!!!! Il Pranzo di S.Stefano

Categorie carne, curiosità, diete e alimentazione, feste, pesce, ricette, suggerimenti

Scritto da Anna Rosa il 25/12/2010

258

Il giorno di Santo Stefano si festeggia subito dopo il Natale e prolunga le festività natalizie.

E’ una giornata destinata a fare visita ai parenti per poi ritrovarsi in famiglia e stare tutti insieme a scartare doni, a giocare a tombola o a carte.

L’aria che si respira è ancora quella di serenità ed amore che caratterizzano tutte le feste di questo periodo con il presepe, l’albero, gli addobbi, il panettone e tutto quello che caratterizza il Natale.

Io amo questi giorni: l’atmosfera magica che avvolge le feste natalizie è veramente unica.

Quindi dopo il Cenone della Vigilia, il Pranzo di Natale ecco il Pranzo di S.Stefano.

Consiglio di apparecchiare la tavola con una allegra tovaglia dai simboli natalizi, un bel centrotavola di frutta secca e piatti rigorosamente bianchi e bicchieri a calice.

Ma cosa cucinare? In molte famiglie si usa consumare gli avanzi dei giorni precedenti.

Ma se abbiamo avuto come ospiti delle “buone forchette”, ecco che dobbiamo studiare un nuovo menù.

Qui di seguito te ne propongo tre: uno che rispetta la tradizione ed altri due un poco diversi dal solito ed alquanto sfiziosi.

Quello tradizionale prevede i classici “Cappelletti in brodo” di carne e l’ancor più classico “Bollito di manzo”.

Se vuoi provare qualche cosa di nuovo, invece, ecco delle splendide “Tagliatelle al cacao” e come secondo un invitante “Stracotto di manzo con carciofi”.

Oppure puoi provare le deliziose “Linguine del buongustaio”, seguite da un originalissimo “Coniglio in salsa agrodolce”.

Tutti questi buonissimi piatti vengono accompagnati con sfiziosi antipasti,  contorni saporiti e golosissimi  dessert.

Ecco i miei menù:

1° Menù

Vol-au-vent delicati alla crema di asparagi

Antipasto di soncino, noci e pancetta

Cappelletti in brodo

Bollito di manzo

Pere di patate saporite

Ananas farcita

2° Menù

Bresaola e pompelmo rosa

Mezzelune allo speck e fontina

Tagliatelle al cacao

Stracotto di manzo con carciofi

Zucca fritta agli aromi

Dolce di castagne

3° Menù

Involtini di salmone affumicato ed asparagi

Barchette alle cozze

Linguine del buongustaio

Coniglio in salsa agrodolce

Insalata di arance e porro

Delizia di panettone al marsala

Auguro a tutti di trascorrere delle serene festività insieme alla vostra famiglia!!!!!

Alla prossima…..ed ancora auguri!!!!!

Anna Rosa

184

 

Le Feste Natalizie…menù per tutti i gusti!! Il Pranzo di Natale

Categorie carne, curiosità, diete e alimentazione, feste, ricette, suggerimenti

Scritto da Anna Rosa il 09/12/2010

40

15

Finalmente è Natale!!!!!!!

La famiglia è riunita attorno all’Albero o al Presepe e tutti, grandi e piccoli, scartano i regali.

Per tutta la casa si diffondono i profumi dei cibi preparati per la Ricorrenza.

La tavola è vestita a festa!

Per questa occasione ti consiglio una bella tovaglia bianca in fiandra. I piatti devono essere di un bel  blu intenso….che sia solo il bordo oppure che siano completamente di questo colore. I sottopiatti saranno argentei e i bicchieri a calice in cristallo e le posate in argento o acciaio inox satinato.

Come centro tavola ho pensato ad una composizione di rose rosa e blu, alternate a candeline sottili argentate il tutto adagiato su di un letto di pigne e rami d’abete trattati con porporina argentata.

E adesso passiamo al Pranzo di Natale che deve essere una vera festa per la famiglia: una festa nella festa!

Qui ti presento 3 menù diversi fra loro.

Potrai scegliere fra antipasti originali abbinati ai tradizionali vol-au-vent.

I primi piatti di pasta sono originali ed insoliti tutti a base di pasta fatta in casa.

I secondi sono rigorosamente a base di carni ma cucinate in modo “diverso”  molto saporiti e di grande scena.

Anche i contorni sono un po’ insoliti, ma si sposano molto bene ai secondi piatti.

Infine per i dessert potrai decidere  tra il tradizionale ed il nuovo.

Ecco le mie proposte:

1° Menù

Affettati con sedano rapa

Vol-au-vent ai funghi

Tagliatelle alla ricotta

Pollo al dragoncello

Carciofi squisiti

Pere squisite con gelato

2° Menù

Vol-au-vent al prosciutto cotto

Spumone al mascarpone

Gnocchetti rosa deliziosi

Arrosto di vitello alle noci

Patate delicate

Zuppa inglese al mascarpone

3° Menù

Vol-au-vent alla bresaola

Insalata di carciofi

Ravioli verdi gustosi al gratin

Faraona alla creta

Sorpresa di verdure

Panna cotta tradizionale

Ho cercato di proporti dei menù un po’ differenti da quelli abituali in modo da rinnovare un po’ la Festa e presentare ai tuoi Commensali ricette nuove ed originali.

Naturalmente potrai seguirli pari pari o combinare diversi menù fra di loro….fantasia e buon gusto sono regole da seguire sempre soprattutto in cucina!

Buon Natale a tutti…..che sia un giorno di serenità e pace da trascorrere insieme ai tuoi Cari!!!!!!!

136

Anna Rosa

 

Come mantenersi in forma alimentandosi in modo sano: 2° parte

Categorie carne, curiosità, diete e alimentazione, pesce, ricette, suggerimenti

Scritto da Anna Rosa il 25/10/2010

I sistemi di cottura consigliati per una sana alimentazione

Continuiamo il percorso verso un’alimentazione sana e salvalinea parlando dei tipi di cottura degli alimenti più idonei al nostro scopo.

Facciamo il confronto fra un bel piatto di seppioline fritte ed un piatto, sempre di seppioline, cucinate alla griglia: sono entrambi gustosi e molto buoni.

La differenza sta nella quantità di calorie che questi due piatti apportano al nostro organismo: le seppioline fritte sono una bomba ipercalorica, mentre quelli alla griglia apportano pochissime calorie e possono essere considerati un piatto dietetico.

Quindi è molto importante come andrai a cucinare i cibi.

Qui di seguito ti elenco le tipologie di cotture ottimali per una sana e “magra” alimentazione: sono tutte validissime ed ognuna ha le sue peculiarità.

Cottura alla griglia o su piastra

La cottura alla griglia non richiede condimenti ma necessita solo del calore dato dal fuoco. Ecco perché è l’ideale per cucinare carni e pesci anche se sono piuttosto grassi: infatti con il calore i grassi, contenuti negli alimenti, si consumano e i cibi rimangono comunque saporiti e morbidi, più digeribili e poco calorici. Durante la cottura fai uso di erbe aromatiche che insaporiscono gli alimenti senza bisogno di aggiungere sale.

polipo2

Cottura con pentole antiaderenti

Le pentole antiaderenti sono un vero alleato in cucina: infatti con esse puoi cucinare senza aggiungere grandi quantitativi di grassi ed ottenere, comunque, piatti saporiti ma leggeri. Queste pentole dotate di un fondo particolare, ti permettono di cuocere i cibi anche senza usare neppure un goccio di olio. Devi fare però molta attenzione alla manutenzione di queste pentole per evitare che si formino graffi sul loro fondo: infatti, se così fosse, i cibi si attaccherebbero e quindi il risultato sarebbe disastroso. Quindi, per pulirle, procedi in questo modo: come finisci di cucinare versa sul fondo un bicchiere di acqua calda con un poco di detersivo per piatti e vedrai che lo sporco verrà via senza fatica e senza bisogno di usare spugnette che graffiano.

padelleantiaderenti

Cottura in forno a microonde

Il forno a microonde è portentoso se vogliamo cucinare in modo sano. Infatti puoi cuocere i cibi senza usare alcun tipo di grasso, in quanto i cibi cuociono per mezzo delle onde elettromagnetiche.

Con questo tipo di forno, oltre a cucinare i cibi, puoi scongelare e riscaldare gli alimenti in pochi minuti. Devi usare bene le diverse frequenze del forno e leggere attentamente il manuale d’uso.

forno a microonde

Cottura al cartoccio

Questo tipo di cottura è veramente l’ideale per tutti i tipi di pesce, per le carni e per le verdure.

E’ un sistema di cottura alquanto semplice e veloce che ti permetterà di ottenere piatti molto gustosi, morbidi ed ipocalorici.

Devi usare un foglio di carta stagnola o di carta da forno. Inserisci l’alimento insieme con erbe aromatiche ed aglio. Quindi chiudi il foglio ed inforna a media temperatura e per una mezz’ora circa. Porta in tavola direttamente i cartocci monoporzione.

Questo è un piccolo consiglio: aggiungi 1 patata all’interno del cartoccio per quei cibi che tendono a rilasciare troppi liquidi durante la cottura.

cottura al cartoccio

Cottura al vapore

La cottura a vapore è un altro sistema ottimo per un’alimentazione sana. Si possono usare sia la vaporiera che la pentola a pressione: con quest’ultima hai il vantaggio di ridurre notevolmente i tempi di cottura. Il sapore ed il profumo dei cibi non si disperdono con il vapore, come avviene invece con la cottura tradizionale. Inoltre i cibi sono sottoposti a tempi di cottura più brevi ed hanno bisogno di poca acqua per cuocersi e quindi le vitamine, i sali minerali e gli altri principi nutritivi non vengono dispersi ma si conservano quasi praticamente intatti. Inoltre, altra cosa da non sottovalutare, cucini senza grassi. Puoi utilizzare questo tipo di cottura per qualsiasi alimento e quindi per verdure, pesce e carne. Puoi sbizzarrirti a preparare gustosissime zuppe di verdure. Per cuocere le verdure in pentola a pressione devi usare l’apposito cestello e mettere un bicchiere di acqua sul fondo della pentola.

cestello-pentola-a-pressione

Bollitura

La bollitura è un tipo di cottura adatto praticamente a quasi tutti gli alimenti: pesce, carne, verdure e uova. E’ molto leggera in quanto non usi grassi. Ha però lo svantaggio che i cibi perdono una quantità notevole dei loro principi nutritivi a causa della permanenza prolungata in acqua. Ti conviene quindi, per quanto riguarda ad esempio le verdure, cuocerle in poca acqua e lasciarle intere. L’acqua di cottura delle verdure non buttarla, ma usala come brodo vegetale per le minestre oppure per preparare zuppe o risotti. Lo stesso dicasi per l’acqua di cottura della carne e del pesce. Carne e pesce è utile immergerle nell’acqua quando questa bolle, in modo da evitare la troppa dispersione di sostanze nutritive; inoltre, nel caso della carne, questa risulterà molto meno fibrosa al termine della cottura.

bollitura

Macerazione

E’ un sistema scarsamente usato ma dona agli alimenti un sapore molto caratteristico. Per questo tipo di preparazione è necessario mettere il cibo, carne o pesce, in una terrina e poi coprirlo completamente con aceto o succo di limone. A questo punto devi lasciarlo a macerare per alcune ore. Ti consiglio di preparare la carne in questo modo tagliandola a fettine molto sottili come se fosse per un carpaccio.

marinatura

Usare l’acqua per sostituire il brodo o l’olio

Questo è un piccolo accorgimento che permette di ridurre l’apporto calorico dei tuoi piatti. La maggior parte delle ricette richiede infatti l’uso del soffritto a base di burro o di olio….ma le calorie ed i grassi? Certo, un ragù, un sugo od un risotto sicuramente risultano molto più gustosi e saporiti con il soffritto…ma la linea? Allora puoi optare usando l’acqua come alternativa a questo scopo. La usi al posto dei grassi e fai appassire in due o tre bicchieri di acqua la cipolla o l’aglio e le erbe aromatiche. Puoi anche usare il brodo vegetale, in sostituzione a quello di carne, nella preparazione, ad esempio, dei risotti. Puoi utilizzare anche l’acqua di cottura delle verdure o semplicemente acqua calda. Al termine della cottura delle pietanze, cucinate senza grassi, puoi aggiungere un filo di olio extravergine di oliva crudo che è molto più salutare di quello cotto.

Arrivederci alla prossima…..e buona cottura!!!!!

stufa

 

Polpette o polpettone: come prepararli?????

Categorie carne, diete e alimentazione, ricette, ricette base, suggerimenti

Scritto da Anna Rosa il 13/09/2010

Le polpette ed il polpettone sono entrambi piatti semplici da preparare, sostanziosi e sicuramente molto saporiti.

Sono considerati cibi poveri in quanto generalmente rappresentano la soluzione migliore per riciclare gli avanzi: quindi le varianti per entrambe le preparazioni sono molteplici.

Il mio consiglio è di evitare, proprio per questo motivo, di ordinarli al ristorante ma di prepararli tranquillamente nella tua cucina in quanto sono piatti gustosissimi e graditi a tutti.

Di seguito ti indico alcuni semplici consigli da seguire per la preparazione di polpette e polpettone.

- Per prima cosa devi scegliere ingredienti che siano buoni e genuini…..la materia prima è molto importante.

- La lavorazione deve essere accuratissima in quanto l’impasto deve risultare compatto e ben amalgamato.

Per realizzare questi fantastici secondi piatti devi utilizzare degli ingredienti che favoriscano l’amalgama come noci, besciamella, farina, pane bagnato, uova o pangrattato.

Inoltre devi lavorare l’impasto a lungo e batterlo più volte sul piano di lavoro in modo che si compatti il più possibile ed al meglio.

Per quanto riguarda gli ingredienti non ci sono limiti alla fantasia purchè tu li accosti con buon senso in modo da dare un appropriato contributo di sapore all’impasto.

Quindi puoi dare sfogo assoluto alla tua creatività ed anche al riciclo degli avanzi purchè tu li accosti con cognizione di causa.

Tieni presente che le “polpette famose della nonna”, quelle buone per intenderci, erano sicuramente preparate con il riciclo degli avanzi dello stracotto o del bollito o dell’arrosto.

Il mio ultimo consiglio è quello di far rosolare bene su fuoco dolce sia le polpette che il polpettone in modo che formino una delicata crosticina, senza però farli diventare troppo duri o, peggio ancora, troppo bruciati.

Puoi abbinarli anche a pasta, riso o pasta sfoglia e farli diventare ottimi piatti unici.

Volendo puoi anche riempire il polpettone con farciture varie per renderlo ancora più gustoso.

Ti elenco qualche ricetta per prendere spunto e come esempio:

Polpette allo spiedo

Polpette alle noci

Polpette al sugo

Polpette morbide

Polpette di carne al limone

Polpettone ai carciofi

Polpettone in sfoglia

Buon lavoro e buon appetito a tutti…………………….alla prossima!!!!!

DSCN4247.mod2

DSCN4245.mod2

 

Spezzatino al rosso

Categorie carne, ricette, ricette con foto

Scritto da Anna Rosa il 27/04/2010

Avevo voglia di preparare un piatto che mi ricordasse la mia infanzia e così ho deciso di rispolverare una vecchia ricetta della mia mamma, lo spezzatino al rosso.

Mia mamma usava pomodori freschi e maturi ma sodi, io purtroppo non li avevo e così ho adoperato una scatola di polpa di pomodoro. E voi direte “ecco perché si chiama al rosso,  perché c’è  il pomodoro……….invece no, al rosso perché va aggiunto un bicchiere di vino rosso!!!!

Ci vuole anche la cipolla il cui peso deve essere circa un terzo del peso della carne: io avevo un cipollone di 3 etti e ho usato quello, se non ne hai una grossa usane di più piccole che raggiungano però il peso necessario.

Ho usato 1 kg. di scamone di bovino adulto che è molto più saporito,  ma va fatto cuocere più a lungo.

Ho raccolto 3 foglioline di alloro fresco dalla mia piantina sul balcone e ho iniziato a darmi da fare.

Per prima cosa ho preparato tutti gli ingredienti sul mio piano di lavoro………..

DSCN2937

Ho cominciato a sbucciare la cipolla e a tagliarla a fettine sottili.

Ho messo due cucchiai di olio extravergine di oliva nella pentola e l’ho fatto scaldare appena appena….poi ho aggiunto la cipolla e l’ho fatta andare per qualche minuto fino a farla leggermente appassire.

DSCN2941

……poi ho aggiunto la carne a pezzettini…..

DSCN2942

carne e cipolla devono insaporirsi insieme per una decina di minuti….praticamente devono scambiarsi i sapori creando un’amalgama di gusto……

DSCN2943

Quindi ho aggiunto il famoso bicchiere di vino rosso, ho mischiato bene………

DSCN2944

e l’ho fatto sfumare un poco, mescolando bene ed alzando la fiamma…..

DSCN2946

A questo punto ho unito le erbe aromatiche: le 3 foglioline di alloro fresco e 1 cucchiaino da tè di rosmarino tritato e ho fatto insaporire per qualche minuto, mescolando bene e già inizia a sentirsi un certo profumino…..

DSCN2947

E’ arrivato il momento di aggiungere la polpa di pomodoro…….

DSCN2950

ho aggiunto un poco di sale, ho mescolato bene, ho coperto la pentola ed ho abbassato la fiamma: ed ecco che inizia la cottura…….

DSCN2951

Ho fatto cuocere per più di un’ora mescolando di tanto in tanto: c’era un profumino delizioso che si aggirava per tutta la casa e che ti faceva venire ancora più fame. Finalmente assaggio: carne tenera e insaporita nel modo giusto…..era ora!!!!!

DSCN2954

Spengo il fuoco ed impiatto servendo con contorno di fettine di pane casereccio appena scaldate.

DSCN2960

e non vi dico che successo!!!!!!……ma non finisce qui…..perchè il giorno dopo….

Evviva l’arte del riciclo…infatti il giorno dopo ho preparato i paccheri conditi con il sugo avanzato dello spezzatino (c’era rimasto anche qualche pezzetto di carne)

DSCN2979

……..e così ho preso due piccioni con una fava: ho utilizzato l’avanzo del sugo, che tra l’altro il giorno dopo era anche più buono, e non ho spentolato in quanto avevo praticamente tutto già pronto.

Ed ecco così risolti i pranzi sia del sabato che della domenica!!!!!

 

Depuriamoci un po’…

Categorie carne, diete e alimentazione, feste, piatti etnici

Scritto da valentina il 06/04/2010

riso giapponeseLa feste pasquali sono ormai alle nostre spalle, e dopo le abbuffate di questi ultimi due giorni (dite la verità, quante uova di cioccolato avete mangiato?), sarà bene, per qualche pasto, tornare ad una routine se non davvero depurante, almeno più leggera.

Come sempre tentate di abbondare in verdura e frutta. Piuttosto che bere bibite gassate o zuccherate prediligete centrifugati di verdura: tra i più appetitosi vi è sicuramente quello di pomodoro e carota, l’ideale a mio parere, sia in periodo invernale che estivo, dove esprime al meglio le sue ottime caratteristiche.

E se per forza di cose dovete affrontare un ennesima cena, ma siete voi ad organizzarla, puntate su piatti freschi e delicati, a base di verdure e soia, al fine di eliminare tutte le scorie accumulate.

Un consiglio diretto? Provate gli involtini di pollo teriyaki, non ve ne pentirete!

 

La Pasqua si avvicina, e noi?

Categorie carne, feste, suggerimenti

Scritto da Roberta il 25/03/2010

costoline-di-agnello-alle-erbetteE noi ci prepariamo ad accoglierla nel migliore dei modi. Sia che si decida di festeggiarla tradizionalmente come le feste natalizie, sia che si opti per una frugale celebrazione, quella della Pasqua è una festività che non passa osservata in Italia, specialmente nelle giovani generazioni e nei bambini, che fin da quando hanno memoria ricordano uova di pasqua, giochi e tanta allegria.

I nuclei famigliari che possono contare ancora sull’apporto di saggezza dei propri nonni, sicuramente festeggeranno in  modo tradizionale la festività pasquale, optando per una colazione tradizionale, abbastanza lunga e laboriosa da digerire.

La maggior parte delle famiglie italiane sicuramente decideranno di dedicarsi ad un pasto più frugale, e perchè no, anticipando di un giorno la gita fuori porta tipica della Pasquetta, un grazioso picn nic.

In attesa di illustrarvi nello specifico alcune ricette pasquali, vi lasciamo con un suggerimento pasquale tra i più buoni ed i gustosi tra quelli adatti anche ad una consumazione “feriale”: le costoline di agnello alle erbette!

 

regole estive

Categorie carne, curiosità, diete e alimentazione, pesce

Scritto da Lebkuchen il 14/08/2008

Ecco, siamo in piena estate e tutti si rilassano, si avvicina il Ferragosto e si fanno grandi pranzi e cene con gli amici. Poi inevitabilmente ci sono degli avanzi e… ta-dá! Il pericolo é in agguato! Con il caldo é bene conservare le cose in frigorifero (e fin qui dubito che qualcuno non lo faccia) ma soprattutto bisogna stare attenti a non fare certe operazioni che in mesi piú freddi non sono a rischio. Per esempio é bene non lasciar fuori troppo tempo i surgelati (portatevi le mattonelle fredde quando andate a fare la spesa) , scongelare le cose al microonde anziché a temperatura ambiente, cuocere le cose prima di un eventuale risurgelamento, ma soprattutto bisogna stare superattentissimissimi e preferibilmente evitare:

a) dolci e preparazioni con uova crude

b)  piatti con carne o pesce crudo

Inoltre ricordatevi di coprire e mettere via prima possibile gli eventuali avanzi. Attenzione anche agli insetti (mosche specialmente) che possono contaminare eventuali cibi giá cotti. Per il resto via libera a piatti leggeri e gustosi come un piatto di linguine con verdure grigliate , insalatone e via cosí per una estate fresca, piacevole e… senza problemi di pancia!! Buon Ferragosto a tutti. :-)